Trattamento dei Dati

Con l’entrata in vigore della legge n. 675/96, e successivamente, del d. lgs. 196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali", in forza della L. 2016/679 modificatrice delle precedenti norme, BreldoItalia, in qualità di "titolare" del trattamento, è tenuta a fornire le informazioni riguardanti l’utilizzo dei dati personali.

In ottemperanza del REGOLAMENTO (UE) 2016/679 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 aprile 2016  GDPR relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati).

I dati che il Cliente comunica a BreldoItalia verranno trattati nel pieno rispetto di tali leggi ed in particolare:

- la raccolta o comunque il trattamento dei dati personali ha l’esclusiva finalità di poter svolgere in modo adeguato la propria attività economica;

- i dati personali sono e saranno trattati in modo lecito e secondo correttezza e comunque nel rispetto della Legge;

- i dati personali non saranno comunicati a terzi per nessuna ragione, con l'esclusione degli Organi delegati all'Ordine Pubblico, Pubblica Sicurezza, Giudiziari;

- I dati dei singoli acquirenti dei prodotti BreldoItalia si qualificano in: Nome, Cognome, Indirizzo, Città, numero di telefono, email, codice fiscale, P.IVA. Tali dati verranno utilizzati per identificare l'avente diritto alla garanzia sui prodotti e non verranno trattati in alcun modo differente dallo scopo primario.

- L'accesso protetto ai dati e loro eventuale modifica avviene sulla piattaforma di acquisto https://www.breldoitalia.it/store e i dati per l'accesso al menu sono quelli che il cliente ha inserito al momento della sua registrazione.

- I dati verranno conservati solamente in formato elettronico (contenuti nel server protetto di BreldoItalia)  in modalità SSL per un periodo uguale alla durata della garanzia sui prodotti, o alla sua eventuale estensione. Ciò allo scopo di semplificare gli interventi di assistenza da remoto da parte degli operatori di BreldoItalia o autorizzati.

- L'acquirente con partita iva può in ogni momento chiedere la cancellazione dei suoi dati dall'elenco clienti elettronico (e-commerce), conscio del fatto che in questo caso potrebbero allungarsi di molto le tempistiche di assistenza sui prodotti.

- Una copia dei dati  fiscali verrà comunque sempre conservata per almeno 10 anni in ottemperanza alle obbligatorie vigenti Norme in materia fiscale e contabile.

- BreldoItalia potrà contattare di tanto in tanto gli iscritti a mezzo telefono o email (newsletter) al fine di ottenere valutazioni  sui prodotti e grado di soddisfazione sul servizio. Gli iscritti possono in qualsiasi momento ottenere di essere esclusi da questa prassi.

Titolare del Trattamento

Il titolare del trattamento è la persona fisica o giuridica, l'autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali, occupandosi altresì dei profili di sicurezza. BreldoItalia di Bruno D'Ambrosio è il Titolare del trattamento dei dati personali, con sede legale in Via Montecalvario,05 - 84080 Pellezzano (SA), iscritta al Registro Imprese di Salerno, al n. 447850, Partita IVA 05466020657. Per ogni chiarimento o esercizio dei diritti dell'utente potrai contattarci ai seguenti recapiti: Tel. 089.9956456 / eMail: amministrazione@breldoitalia.it

Luogo di Trattamento dei Dati

I trattamenti connessi ai servizi web di BreldoItalia hanno luogo presso la predetta sede di Pellezzano e sono curati solo da personale tecnico di BreldoItalia, oppure da eventuali incaricati dalla stessa per occasionali operazioni di manutenzione.

Diritti dell'Utente (Interessato)

La normativa attribuisce specifici diritti all'interessato, il quale, per l'esercizio di tali diritti, può rivolgersi direttamente al titolare del trattamento. L'interessato può esercitare i suoi diritti anche in un momento successivo a quello in cui ha prestato il consenso, potendo così revocare un consenso già prestato.

I diritti esercitabili dall'interessato sono i seguenti:

- esercitare l'opposizione al trattamento in tutto o in parte;

- ottenere la cancellazione (oblio) dei dati in possesso del titolare;

- ottenere l'aggiornamento o la rettifica dei dati conferiti;

- chiedere ed ottenere in forma intellegibile i dati in possesso del titolare (diritto di accesso);

- chiedere ed ottenere trasformazione in forma anonima dei dati;

- chiedere ed ottenere il blocco o La Limitazione dei dati trattati in violazione di legge  e quelli dei  quali non è più necessaria la conservazione in relazione agli scopi del trattamento.

Diritto di Opposizione

L'interessato ha il diritto di opporsi, in qualsiasi momento al trattamento dei dati che lo riguardano (Art 21 GDPR).

L'interessato può opporsi anche ai trattamenti connessi a ragioni di diretto e profilazione.

L'opposizione al trattamento è operazione diversa dalla cancellazione dei dati. In base ad essa l'interessato può impedire il trattamento che non è compatibile con le finalità del consenso.

E' il titolare del trattamento che deve dare riscontro alla richiesta dell'interessato, entro un mese dall'esercizio del diritto. In casi particolarmente complessi la risposta può essere fornita  entro  3 mesi. La risposta deve aversi in forma scritta, anche in formato elettronico, tranne nel caso in cui l'interessato la richieda oralmente. La risposta deve essere coincisa, accessibile ed intellegibile. L'unico obbligo per l'interessato è di fornire dati per la sua identificazione. La risposta in genere dovrebbe essere senza costi, tranne l'eventuale rimborso del costo del supporto utilizzato.

Diritto di Informazione

L'interessato al trattamento ha innanzitutto il diritto a ricevere una corretta informazione in relazione ai dati raccolti e trattati, alle finalità del trattamento, alla base giuridica del trattamento  e  ai  diritti  che  gli  sono  attribuiti,  nonché  le  modalità  per  esercitarli.  Tutto  ciò  avviene a mezzo dell' informativa , il cui scopo è informare l'interessato che così possa rendere un valido consenso.

Nel caso in cui ai dati sia applicato un trattamento automatizzato comprendente profilazione  il titolare deve informare l'interessato, esplicitando  le  modalità  e  le finalità  della  profilazione, nonché la logica inerente il trattamento e le conseguenze  previste  per l'interessato  a seguito  di tale tipo di trattamento.

Diritto di Accesso

L'art. 15 del regolamento generale europeo prevede il diritto di accesso, cioè il diritto di conoscere quali dati personali relativi all'interessato il titolare sta trattando, con  quali  finalità (non le modalità invece), e di ricevere una copia (gratuita) dei dati. titolari possono eventualmente anche consentire un accesso diretto ai dati da remoto. L'interessato ha il diritto di conoscere:

- le finalità del trattamento;

- le categorie di dati personali trattate;

- i destinatari o le categorie  di  destinatari  a  cui  i dati  personali  sono  stati  o saranno  comunicati, in  particolare  se  destinatari  di   paesi  terzi  o organizzazioni internazionali,  e  le  garanzie  applicate in caso di trasferimento dei dati verso Paesi terzi.

- quando possibile, il periodo di conservazione dei dati personali previsto oppure, se non è possibile, i criteri utilizzati per determinare tale periodo;

- l'esistenza del diritto dell'interessato di chiedere al titolare del trattamento la rettifica o la cancellazione dei dati personali o la limitazione del trattamento dei dati personali che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento;

- l'esistenza del diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo;

- qualora dati non siano raccolti presso l'interessato, tutte le informazioni disponibili sulla loro origine;

- l'esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, e informazioni significative sulla logica utilizzata, nonché l'importanza  e  le conseguenze  previste  di  tale trattamento per l'interessato.

Diritto di Limitazione del Trattamento

Il diritto di limitazione (art . 18 del Regolamento) consente all 'interessato di ottenere il blocco del trattamento in caso di violazione dei  presupposti  di  liceità (quale alternativa  alla  cancellazione dei dati stessi)ma anche se l'interessato chiede la rettifica dei dati (in attesa della rettifica) o si oppone al loro trattamento (in attesa della decisione  del  titolare).  In  caso  di  esercizio  di tale diritto ogni trattamento, tranne la conservazione, è vietato .

Il dato deve essere contrassegnato in attesa delle ulteriori valutazioni.

Diritto di Cancellazione

Il diritto di cancellazione (anche detto diritto all'oblio)  è  il diritto  di  ottenere  la cancellazione dei propri dati personali in casi particolari. Può essere esercitato anche dopo la revoca del consenso.

Diritto alla Portabilità

Il diritto alla portabilità dei dati è un nuovo diritto previsto dal regolamento europeoSi applica solo ai trattamenti automatizzati, e sono previste specifiche condizioni per il suo esercizio.

Esercizio dei Diritti

L'interessato può rivolgersi direttamente al titolare  del  trattamento per l'esercizio dei suoi diritti (interpello)Anche se è solo il titolare obbligato  a  dare  riscontro,  il  responsabile  del  trattamento è tenuto a collaborare col titolare ai fini dell'esercizio dei diritti. In caso di mancata risposta, o di risposta inadeguata, può rivolgersi all'autorità amministrativa (Garante) o giudiziaria per latutela dei suoi diritti. Il termine per la risposta è di 1 mese per tutti diritti. Tale termine può essere esteso a 3 mesi in casi di particolare complessità. In questo caso il titolare del trattamento deve comunque avvertire l'interessato entro il mese. L'esercizio dei diritti è in linea di massima gratuitoSpetta comunque al titolare valutare se la risposta è complessa al punto da dover chiedere un contributo all'interessato, e stabilirne l'ammontare ma solo se si tratta di richieste manifestamente infondate o eccessive o ripetitive (sul punto il Garante italiano dovrebbe pubblicare delle linee guida, per il momento si può fare riferimento alla delibera del 2004 Contributo spese in caso di esercizio dei diritti dell'interessato). La risposta si deve fornire di regola in forma scritta, anche attraverso strumenti elettronici.  Può essere orale solo se espressamente richiesta in tal senso dall'interessatoLa risposta  deve essere chiaracoincisa, e facilmente accessibile e comprensibile. Il titolare può chiedere informazioni all'interessato al fine di identificarlo, e l'interessato è obbligato a fornire tali informazioni.

Deroghe dell'esercio dei Diritti

Il regolamento europeo ammette delle deroghe ai diritti riconosciuti all'interessato, da  stabilire in base a disposizioni nazionali. In tale prospettiva si ritiene possano essere  ancora applicate (in attesa della valutazione del Garante sulla conformità al GDPR) le  deroghe stabilite dall'articolo del Codice per la protezione dei dati personali italianoe cioè nei casi in cui il trattamento dati effettuato:

in base alle disposizioni del decreto-legge 31 dicembre 1991, n. 419, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 febbraio 1992, n. 172, e successive modificazioni, in materia di sostegno alle vittime di richieste estorsive;

A) da Commissioni parlamentari d'inchiesta istituite ai sensi dell'articolo 82 della Costituzione;

B) da un soggetto pubblico, diverso dagli enti pubblici economici, in base ad espressa disposizione di legge, per esclusive finalità inerenti alla politica monetaria e valutaria, al sistema dei pagamenti, al controllo degli intermediari e dei mercati creditizi e finanziari, nonché alla tutela della loro stabilità;

C) ai sensi dell'articolo 24, comma 1, lettera f), limitatamente al periodo durante il quale potrebbe derivarne un pregiudizio effettivo e concreto per lo svolgimento delle investigazioni difensive o per l'esercizio del diritto in sede giudiziaria;

D) da fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico relativamente a comunicazioni telefoniche in entrata, salvo che possa derivarne un pregiudizio effettivo e concreto per lo svolgimento delle investigazioni difensive di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 397;

E) per ragioni di giustiziapresso uffici giudiziari di ogni ordine e grado o il Consiglio superiore della magistratura o altri organi di autogoverno o il Ministero della giustizia;

F) ai sensi dell'articolo 53 (trattamenti da parte di forze di polizia), fermo restando quanto previsto dalla legge 1 aprile 1981, n.121.

Il titolare dei dati si identifica nell'Amministratore pro tempore di BreldoItalia di Bruno D'Ambrosio con sede a Pellezzano (SA) in Via Montecalvario, 05.

Controversie

Per ogni controversia che dovesse insorgere sarà competente il Foro di Salerno.

Condizioni

Le condizioni contenute nel presente documento potranno essere modificate, senza preavviso alcuno e avranno validità dalla data di pubblicazione nel sito Internet https://www.breldoitalia.it/store